Inizia nel migliore dei modi la stagione agonistica per il taekwondo del Levante. La Polisportiva Città dei Ragazzi, infatti, rientra dalla prima trasferta dell’anno ad Achensee (Austria) con un bottino di quattro medaglie frutto di due ori, un argento e un bronzo.

Nella città tirolese, in scena la quinta edizione dell’Achensee  Trophy, gara di combattimento che ha visto la partecipazione di oltre duecento atleti provenienti soprattutto da Italia, Austria e Germania. Da segnalare l’ottima prestazione di Giulia Olcese, ritornata alla vittoria dopo un periodo di astinenza di quasi un anno. Vittoria anche per Gabriele Queirolo, mentre è d’argento Tommaso del Lilla. Terzo gradino del podio per Fabio Cavaliere. Soddisfatto il maestro Andrea Marcato, che analizza la prestazione dei suoi “Rompere il ghiaccio dopo la pausa estiva è sempre importante e gare come questa servono a restituire ai ragazzi indicazioni importanti sul loro stato di forma. Oggi tutti i nostri atleti hanno dato il massimo, sono felice di come hanno interpretato la gara”. Per la Polisportiva Città dei ragazzi, quella di Achensee è stata un’importante tappa di avvicinamento verso i prossimi impegni agonistici, a partire dal campionato italiano cinture rosse. “Il 30 Novembre saremo impegnati a Busto Arsizio in un contesto nazionale con una squadra di ben sei ragazzi” continua Marcato “Non vediamo l’ora di metterci alla prova con i ragazzi più forti d’Italia e di provare a ottenere il titolo di campioni d’Italia. Se i ragazzi combatteranno come hanno fatto in Austria, hanno ottime possibilità di coronare il loro sogno”.

IN FOTO:

Ragazzi della Polisportiva Città dei ragazzi in gara ad Achensee

Comincia nel migliore dei modi la stagione sportiva del taekwondo Ligure, che al Trofeo Coni ottiene il suo miglior piazzamento di sempre nella manifestazione, classificandosi terza dietro soltanto a Puglia, prima, e Toscana, distanziata di un solo punto (60 a 59). Il Trofeo è una vera e propria Olimpiade per i più giovani, voluta nel 2014 dal Presidente del Coni Malagò come mezzo per avvicinare i giovani allo sport e ai suoi valori, che quest’anno ha richiamato a Crotone e Isola di Capo Rizzuto oltre 3.000 atleti, che si sono sfidati in tutte le discipline del programma olimpico, difendendo i colori dei propri comitati regionali.

La squadra ligure, guidata dai maestri Pietro Fugazza e Simone Tridico, ha ottenuto ben sei medaglie. La prova più attesa era quella del freestyle, dove era schierata la givoane stella Magdalena Greco capace, nel corso della scorsa stagione, di inanellare una straordinaria serie di successi: oro al campionato regionale, campionessa italiana assoluta e due volte di bronzo all’Europeo cadetti. Con lei anche Francesco Pinna, campione regionale in carica. I due, entrambi classe 2005, hanno ottenuto la medaglia d’argento nella prova di coppia, finendo a soli due punti (194 contro 196) dietro ai pari età del Friuli Venezia Giulia: “Sono felicissimo per aver ottenuto la prima medaglia nazionale della mia carriera questo risultato mi ripaga delle tante giornate in cui io e Magdalena abbiamo preferito la il tatami alla spiaggia” commenta Francesco Pinna, che nella prova individuale non è riuscito a salire sul podio, come invece ha fatto Magdalena Greco, argento dietro alla toscana Beatrice Coradeschi: “Sono molto orgogliosa per aver contribuito al podio raggiunto dalla Liguria” commenta Magdalena, che si appresta a vivere una stagione densa di appuntamenti importanti "A Ottobre gareggerò in Canada in una gara molto competitiva, poi nel 2020 punterò alla convocazione in occasione dei Mondiali in Danimarca" . Soddisfazioni anche dal combattimento, dove dai cadetti B sono arrivati l’oro di Riccardo Pastore, l’argento di Ludovica Serain e i bronzi di Filippo Maria Lampis e Ahilyn Libero. Felice anche il Presidente Laura Toma "Il risultato di quest'anno è il migliore mai raggiunto dalla squadra ligure e ci riempe d'orgoglio. Il nostro movimento è in continua ascesa e, oltre ad atleti di punta nelle categorie maggiori, può contare anche su un vivaio di assoluto livello. Se questi ragazzi continueranno ad allenarsi con serietà, potranno togliersi grandissime soddisfazioni".

Le sei medaglie complessive e il terzo posto finale certificano la costante crescita di un movimento che cercherà conferme già dai prossimi appuntamenti in calendario, a partire dal campionato italiano cinture rosse in programma a Busto Arsizio (VA) il 30 novembre.

Riccardo Persano

Ora è ufficiale: due atleti genovesi rappresenteranno l’Italia al prossimo campionato europeo cadetti in programma a Marina D’Or (Spagna) dall’ 1 al 3 Ottobre 2019. Si tratta di Aurora Ceccantini (Gruppo Sportivo San Bartolomeo) e Gian Alberto Ballerino (Scuola Genova), selezionati dopo un intenso campus a Mesagne (Br), che li ha portati ad allenarsi duramente dal 23 agosto al 7 settembre, sotto gli occhi del maestro azzurro Roberto Baglivo e del suo staff. I due erano stati convocati in virtù degli ottimi risultati conseguiti nel corso dell’ultima stagione sportiva: argento al campionato italiano e oro all’Olympic Dream Cup per Ballerino, addirittura doppietta per Aurora Ceccantini, capace di vincere tutte e due le competizioni. Entrambi voleranno alla volta di Roma già il a fine Settembre, per svolgere un ulteriore periodo di rifinitura presso il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti agli ordini del Direttore Tecnico della Federazione Italiana Claudio Nolano. Sarà poi la volta di Marina D’Or, dove entrambi vivranno il loro battesimo con la maglia azzurra affrontando i migliori pari età d’Europa. Soddisfazione nelle parole del presidente regionale Laura Toma: “Faccio i complimenti ad Aurora e Gian Alberto, due ragazzi seri e determinati e due atleti di grande talento. Non è facile per un ragazzo della loro età affrontare un ritiro di edue settimane nel pieno dell’estate, rinunciando a passare le vacanze con gli amici per sudare in palestra e competere con tanti altri ragazzi di talento per un posto in nazionale. Sono sicura che sapranno farsi valere anche all’Europeo, dove spero possano mettersi in luce e puntare a una medaglia”. Non farà parte della spedizione, invece, il terzo genovese in lizza, Matthew Cavazzuti (Lanterna), campione all’ Olympic Dream Cup e partecipante al campus di Mesagne, ma non inserito nel novero degli atleti che rappresenteranno l’Italia in Spagna. Per lui l’occasione di un pronto riscatto già da Settembre, con il via alla nuova stagione agonistica

Riccardo Persano

IN FOTO:

  • Aurora Ceccantini, corazza blu, in azione
  • Gian Alberto Ballerino in posa con la medaglia d’oro conquistata a Roma

 

 

Si chiudono senza medaglie, ma con ottime indicazioni, gli European Master Games, olimpiade europea dedicata agli atleti over 35 che ha visto la partecipazione di due genovesi, Marco Caponi (Scuola Genova) e Alessandro Vaghini (Marassi Taekwondo). Il primo, iscritto nella categoria Master A, ha interrotto il suo cammino agli ottavi di finale, perdendo con l'atleta spagnolo. "Alla mia performance dò una sufficienza piena" commenta Caponi "La tensione della gara si è fatta sentire, sicuramente ha influito sulla mia resa, che considero comunque positiva. Tornerò a lavorare da subito, per inseguire l'obiettivo di una medaglia internazionale alle prossime occasioni"

Ha sfiorato il bronzo Alessandro Vaghini: dopo la netta vittoria ai quarti contro la Francia, il "papà d'arte" (suo figlio Matteo è cintura nera e bronzo all'ultima Coppa Italia) ha perso di misura ai quarti, mancando di pochi punti l'accesso alla semifinale e al podio: "Sono fiero della mia prova, ci tengo a ringraziare mio figlio Matteo e i miei compagni che mi hanno aiutato negli allenamenti in questi caldi mesi estivi. Nello sport c'è sempre qualcosa da imparare e un nuovo traguardo da inseguire. Il mio cammino nel taekwondo continuerà"

Il movimento ligure ai Master Games è stato rappresentato anche dalla folta delegazione di Ufficiali di Gara convocati. Oltre ai responsabili degli arbitri liguri Deneb Pedemonte e Michele Lionetti erano presenti gli arbitri Simone Tridico e Paola Remussi. "I nostri arbitri hanno offerto una grande prova in un contesto internazionale molto impegnativo" commenta Lionetti "Dalla Federazione e dalla direzione gara dei Master Games sono stati tutti elogiati per il gran lavoro e la loro professionalità. Negli ultimi anni, il nostro movimento è cresciuto, promuovendo due arbitri internazionali, Desi Greco e Manuela Rattone, e portando diversi rappresentanti ai campionati italiani. Il merito è tutto della volontà di questi splendidi ragazzi".

Con i Master Games va in archivio la stagione agonistica del taekwondo ligure, pronto a inseguire nuovi successi anche il prossimo anno.

Cerca

Radio 19

Dae do

 

 

Immagini Casuali